Categoria: Ransomware

NotPetya: attacco informatico in America, Europa, India e Russia

NotPetya miete le prime vittime. Nelle ultime ore vengono registrate migliaia d’infezioni in diverse parti del mondo di quella che inizialmente veniva considerata come una variante del Ransomware Petya. Una nuova variante Ransomware che risulta essere simile a Petya solo in alcune parti del codice, ecco il motivo per il quale alcuni ricercatori l’hanno denominato

WannaCry infetta 55 telecamere: la polizia di Victoria annulla 590 multe

Victoria, polizia australiana costretta ad annullare 590 multe comminate per eccesso di velocità. Il sistema video per il rilevamento delle infrazioni era stato infettato dal Ransomware WannaCry. Attraverso un comunicato il Dipartimento di Polizia di Victoria ha negato che a causare l’infezione sia stato un attacco mirato da parte di hacker, come sospettato in un

La Honda nel caos: WannaCry manda in tilt il suo sistema informatico

Il Ransomware WannaCry blocca per un giorno la catena produttiva nello stabilimento Honda di Sayama, a nord-est di Tokyo. Mille autovetture non prodotte a causa di un’infezione al sistema informatico. Era già successo lo scorso mese di maggio quando la Renault e la Nissan erano state costrette a bloccare la produzione di autovetture negli stabilimenti in Giappone, Regno

UCL: la University College di Londra sotto attacco Ransomware

UCL: University College di Londra sotto attacco, sistema informatico infettato da un Ransomware. La University College di Londra (UCL), lo ha descritto come un attacco di tipo “ransomware” molto simile a quello che, nello scorso maggio, aveva colpito i sistemi informatici del National Health Service inglese (NHS). Un Ransomware è un virus creato da criminali informatici

Osaka, 14enne arrestato per aver creato e diffuso un Ransomware

Ransomware: lo studente è accusato d’aver creato e distribuito su alcune deep web un malware in grado di rendere inutilizzabili i dati presenti nei computer colpiti dall’infezione. Un Ransomware in grado di rendere inutilizzabili tutti i dati presenti nei computer infettati e la richiesta di un riscatto per ricevere la chiave di decrittazione. Queste sono le principali accuse