Categoria: Social

Instagram: hackerati 6 milioni di utenti, nella lista anche account italiani

VIOLATI 6 MILIONI DI ACCOUNT INSTAGRAM DI ALTO PROFILO Una vulnerabilità presente nel programma ha permesso ad un gruppo di hacker di impossessarsi di foto, indirizzi e-mail e numeri di telefono di oltre 6 milioni di account Instagram di alto profilo.  Dopo la pubblicazione in internet di alcune foto di nudo del cantante Justin Bieber

F.C. Barcellona: Twitter e FB hackerati da OurMine

Per alcune ore di mercoledì mattina gli account di Twitter e Facebook della squadra di calcio del Barcellona sono stati compromessi dal gruppo di hacker OurMine. Azione legale nei confronti di Neymar, chiesta una penale di 8,5 milioni di euro. L’ex calciatore blaugrana viene accusato dal Barcellona di non aver rispettato alcune clausole del contratto che lo

Telegram rispetterà le leggi russe, ma nessun dato utente verrà condiviso con il governo

Dopo le pressioni ricevute dal governo russo, il creatore di Telegram ha deciso che registrerà l’app di messaggistica presso il Roskomnadzor. Pavel Durov, il creatore dell’app di messaggistica, alla fine ha dovuto cedere alle pressioni del governo russo e sarà costretto a registrare Telegram al Roskomnadzor (l’ente federale russo per il controllo delle telecomunicazioni) per non voler danneggiare gli oltre

Francia: la CNIL multa Facebook per violazione della privacy

La CNIL (Commission nationale de l’informatique et des libertés) ha inflitto una multa di 150.000 € al colosso americano per violazione della privacy. Una cifra tutto sommato ridicola per un colosso del genere vista la gravità delle accuse mosse dall’autorità francese, ma è anche vero che l’ammontare della multa è la massima prevista dalle leggi francesi per un reato di

“Funny Videos 2017”, un Trojan bancario presente in Google Play

Si chiama “Funny Videos 2017” l’applicazione infetta che è riuscita ad eludere il controllo di sicurezza denominato “Bouncer”, un sistema di scansione automatizzato creato ad hoc nel 2012 dalla Google per contrastare l’enorme numero di applicazioni dannose aggiunte dai virus-writer all’interno del Play Store. Dopo 5 anni, evidentemente, poco o nulla è cambiato ed il rischio di ritrovarsi con