Nuova Zelanda, controlli aeroportuali: a rischio la privacy dei passeggeri

Condividilo... grazie!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

In Nuova Zelanda, durante i controlli aeroportuali, la privacy dei passeggeri può essere facilmente violata. 

Negli ultimi due anni sono stati effettuati oltre 1300 controlli. I passeggeri si sono visti costretti a rivelare le password dei propri telefoni e laptop.

Nuova Zelanda
Aeroporti Nuova Zelanda: a rischio la privacy dei passeggeri

Un comportamento, quello dei funzionari doganali, che viene considerato poco ortodosso da chi, per turismo o per lavoro, si serve degli aeroporti internazionali di Auckland, Christchurch e Wellington.

Secondo le autorità neozelandesi invece, questo tipo di controllo serve non solo a combattere il terrorismo e il contrabbando di armi e droga, ma anche ad individuare tutte quelle persone che entrano all’interno dei confini neozelandesi senza un regolare permesso di soggiorno.

Jamie Bamford, direttore generale dell’Intelligence, Investigations & Enforcement New Zealand Customs Service, ha dichiarato a 1 News che tutti i controlli sui passeggeri sono stati effettuati nel rispetto della legge sulla privacy.

“We do adhere to the privacy act and are guided by that.”

Molti turisti fermati si sono lamentati del tempo impiegato dai funzionari doganali per effettuare i controlli. Un tempo che, in certi casi, può superare anche le 5 ore.

Bamford ha voluto precisare che il tempo impiegato durante i controlli dipende dal tipo e dal numero di dati presenti su telefoni e laptop aggiungendo che,

“… non consegnare le password dei propri dispositivi ai funzionari doganali, servirebbe solo a rallentare il loro lavoro. Tutti i dati, anche se crittografati, verrebbero comunque resi leggibili visto che possediamo strumenti per interrompere la crittografia”

Attualmente un disegno di legge, per “costringere” le persone durante i controlli a consegnare le password dei propri dispositivi mobili, è in discussione al Parlamento. Le sanzioni previste a chi osteggia l’operato delle autorità doganali potranno arrivare fino a 5000 $.

Condividilo... grazie!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*