Giudice della Corte Suprema di New York truffato per 1 milione di $

Condividilo... grazie!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Lori S. Sattler, giudice nel primo distretto della Corte Suprema di New York, è stata truffata con una e-mail di phishing. Il truffatore spacciandosi per il proprio avvocato immobiliarista le ha estorto 1 milione di $. Il denaro serviva per l’acquisto di un lussuoso appartamento nel centro di Manhattan.

giudice

Prima d’essere truffata aveva venduto, a 2,6 milioni di $, il proprio appartamento ai suoi vicini di casa ed era in procinto di acquistarne uno in una delle zone più ricche di Upper East Side nel centro di Manhattan.

Venerdì scorso il giudice Sattler ha denunciato il fatto alla NYPD spiegando d’aver ricevuto la email truffa lo scorso 7 giugno. Un raggiro ben architettato che ha permesso al truffatore di vedersi accreditato sul proprio conto presso la Commerce Bank of China di Hong Kong 1.057.500 di dollari, la cifra è stata fatta prima transitare attraverso un conto bancario dell’Arizona.

L’FBI e il Financial Crimes Task Force, una divisione della polizia di New York, hanno subito avviato le indagini.

In merito alla truffa un portavoce per il sistema giudiziario dello Stato, Lucian Chalfen, non ha voluto rilasciare dichiarazioni in quanto, spiega, potrebbero danneggiare le indagini penali in corso.

Secondo l’avvocato immobiliarista Adam Leitman Bailey, non coinvolto nel caso, la truffa potrebbe essere stata messa in atto anche grazie alla collaborazione di un complice presente all’interno della banca.

Normalmente, spiega l’avvocato, i clienti non ricevono questo tipo di email da parte della propria banca. Sicuramente qualcuno che era a conoscenza delle trattative d’acquisto dell’appartamento da parte del giudice Lori S. Sattler.

Condividilo... grazie!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*