Riciclaggio di denaro: condannato a 6 anni di carcere ex dipendente della Ealing Barclays Bank

Condividi se ti è piaciuto 🙂

Dovrà scontare 6 anni e 4 mesi di carcere l’ex dipendente della Ealing Barclays Bank che, fra il 2014 e il 2016, aprì più di 100 falsi conti correnti bancari favorendo così il riciclaggio di oltre 3 milioni di dollari rubati.

Barclays

Jinal Pethad, 29 anni di Edgware – Londra, è stato condannato a 6 anni e 4 mesi di reclusione per aver aiutato, fra il 2014 e il 2016, i due criminali informatici di nazionalità moldava Ion Ţurcan di 35 anni e Paul Gincota di 32 anni, nel riciclaggio di denaro sottratto da conti correnti bancari di aziende e privati.

Ţurcan e Gincota, condannati rispettivamente a 8 e 5 anni di carcere, realizzarono la loro truffa grazie al trojan bancario Dridex contenuto all’interno di un allegato di posta elettronica inviato attraverso e-mail di spam. Il trojan Dridex, una volta infettati i computer, sottraeva le coordinate bancarie delle ignare vittime permettendo ai due truffatori di spostare il denaro sui conti correnti fittizi creati da Pethad.

Tom Guest, del Crown Prosecution Service (CPS) ha dichiarato che

“Pethad ha abusato della sua posizione di fiducia per creare più di 100 conti correnti bancari e di accedere a ulteriori falsi account, tutti allo scopo di nascondere e ottenere denaro rubato ad aziende e privati”.

Secondo Mark Cains, della National Cyber ​​Crime Unit dell’NCA, Jinal Pethad usò la sua conoscenza del sistema finanziario per assicurarsi che il denaro rubato non fosse bloccato prima di entrare in questi conti e, per dimostrare i propri sforzi nel mantenere attiva la truffa, fornì a Ţurcan e a Gincota dettagliati rapporti riguardo tutte le transazioni bancarie fraudolente.

Durante una perquisizione nell’appartamento di Jinal Pethad nel quartiere londinese di Barnet, le autorità di polizia avevano rinvenuto 4000 sterline in contanti, sette orologi di lusso e i tre telefoni cellulari usati dall’ex impiegato della Barclays per comunicare con i due criminali moldavi.

Condividi se ti è piaciuto 🙂

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *