Three Square Market impianta dei microchip ai propri dipendenti

Condividilo... grazie!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

La Three Square Market (32Market), con sede a RIVER FALLS nello Stato del Wisconsin, è forse la più grande azienda americana produttrice di distributori automatici digitali per la vendita alimentare.

Inoltre la 32Market è anche la più importante azienda americana per quanto riguarda il “micro market alimentare” di tipo self-service con oltre 20.000 break room presenti in 20 Stati.

Three Square Market
Three Square Market “Break Room”

Almeno 50 dipendenti hanno dato la propria autorizzazione per farsi impiantare nella mano, fra il dito indice e il pollice, un microchip dalle dimensioni poco più grandi di un chicco di riso e che consentirà loro d’accedere a diverse funzioni in ambito lavorativo.

Accedere ai computer degli uffici, aprire le porte o fare acquisti dai distributori automatici presenti in azienda sarà per loro una procedura molto più semplice e veloce secondo Todd Westby, CEO di 32Market.

Il microchip, che ha un costo di soli 300 $, verrà impiantato nelle mani dei 50 volontari il prossimo 1° agosto durante una festa organizzata dall’azienda, questo nonostante i rischi che tale intervento potrebbe comportare, non ultimo un possibile monitoraggio attraverso la rete GPS.

microchip

Durante un’intervista rilasciata al canale digitale americano KSTP-TV il CEO Westby giura che non verrà eseguito nessun tipo di monitoraggio sui dipendenti, visto che non esiste nessun GPS installato all’interno dei microchip.

Intanto sui social network si registrano i primi commenti negativi. In molti si domandano se davvero i dipendenti non verranno monitorati da un GPS diventando degli “attori” involontari di un nuovo tipo di “Grande Fratello”, altri paragonano i vertici aziendali a Satana, altri ancora suggeriscono di boicottare l’azienda americana non acquistando più i loro prodotti.

Three Square Market

Three Square Market

Condividilo... grazie!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*