Attacco a UniCredit: gli hacker rubano i dati di 400.000 clienti

Condividilo... grazie!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

La UniCredit, con un comunicato stampa pubblicato ieri sul proprio sito web, ha ammesso d’aver subito un attacco hacker e il furto di dati sensibili di 400.000 clienti.

UniCredit

Un’intrusione informatica in grande stile ha portato alla perdita di dati personali di almeno 400.000 clienti della UniCredit.

Secondo quanto riportato nel comunicato stampa pubblicato ieri sul sito dell’istituto di credito italiano, nessun dato per accedere ai conti correnti è stata rubato, ma che

“… Potrebbe invece essere avvenuto l’accesso ad alcuni dati anagrafici e ai codici IBAN”.

I vertici della banca hanno dichiarato d’aver subìto 4 intrusioni informatiche nei mesi di settembre e ottobre del 2016 e nei mesi di giugno e luglio di quest’anno, un lungo lasso di tempo quindi dove i sistemi informatici sono stati in balia dei cyber-criminali.

Nonostante le dichiarazioni rilasciate dai vertici della società, non è ancora ben chiaro se l’attacco ha interessato indirettamente anche i sistemi informatici della UniCredit o se, come sostiene l’istituto bancario, l’intrusione subita ha interessato”solo” quelli di un partner commerciale esterno.

Nell’immediatezza cosa rischiano ora i clienti?

Se prendiamo per buona la dichiarazione ufficiale della banca, i conti correnti dei clienti non corrono alcun tipo di rischio. Ben diversa invece è la realtà che dalle prossime settimane si potrebbe prospettare ai danni dei 400.000 correntisti.

I dati sottratti, oltre che per nuove e mirate campagne di e-mail di phishing, potrebbero venir usati dai cyber-criminali per scopi ancor più inquietanti e pericolosi come, ad esempio, la loro vendita sul mercato nero all’interno di alcune darknet.

E, nonostante l’UniCredit abbia dichiarato d’aver investito 2,3 miliardi di euro per rendere i propri sistemi IT più sicuri, ciò che lascia perplessi sono i mancati controlli sulla società partner visto che, a quanto sembra, per un anno nessuno prima di ieri si era accorto di nulla.

Quello che invece possono e devono fare i clienti di UniCredit è segnalare tempestivamente ogni tipo di attività sospetta, per questo l’istituto bancario ha messo a disposizione un numero verde dedicato 800 323 285 

Condividilo... grazie!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*